Pages Navigation Menu

Le notizie della tua città

Parole della domenica, deficit record negli ultimi due bilanci delle Terme

Parole della domenica, deficit record negli ultimi due bilanci delle Terme

Le brutte notizie non hanno mai da fine per le nostre Terme. Sarebbe senza dubbio un deficit senza precedenti quello che le Terme avrebbero accumulato nel bilancio di un anno fa. Si parla addirittura di 10 milioni di perdite. L’allarmante annuncio è arrivato – ripreso dalla stampa – da parte del consigliere di minoranza ed ex-deputato Edoardo Fanucci, capogruppo di Italia Viva. “Dieci milioni di perdite – ha affermato – nel bilancio 2021 delle Terme. Perdite che si vanno a sommare ai quattro milioni e mezzo persi nel 2020, per un totale di 14,5 milioni di perdite in soli due anni. Abbiamo appreso durante una seduta della commissione consiliare per il controllo delle società partecipate questi numeri, tanto macabri quanto drammatici e preoccupanti”.
Un’altra voce preoccupante è emersa dal bilancio del Comune. Infatti, un’occupazione ingiustificata della Palazzina Regia che è stata quantificata in 590nila euro di mancati incassi per l’ente. Ha affermato lo stesso Fanucci: “Quando con 50 milioni di patrimonio immobiliare non si trova una diversa collocazione per i propri uffici e si arriva ad accumulare un debito con il proprio padrone di casa per 590mila euro, dove si vuole andare? Ed il Comune di Montecatini Terme permette tutto questo? Senza parlare dei milioni di euro di ulteriori crediti, che il Comune di Montecatini vanta nei confronti della sua società per Imu e spazzatura non pagati”. Insomma una vera e propria voragine. “Tiriamo una riga sul passato – ha concluso l’ex-deputato – aprendo un nuovo capitolo. Ripartiamo da cose semplici e lineari, su cui insistiamo dal nostro insediamento. Il Comune compri la Torretta, per rilanciarla e valorizzarla. La Regione compri il Tettuccio, per proteggerlo e riqualificarlo. La Fondazione della Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia acquisisca l’Excelsior per realizzare il progetto Uffizi Diffusi. Cassa Depositi e Prestiti si faccia carico delle Leopoldine per poi affidarle a un privato con esperienza certificata nel settore”.

Come ogni settimana, ho cercato nel web e sui giornali altre storie per chi voglia leggere ma soprattutto per chi voglia riflettere.
Buona domenica a tutti quelli che ci seguono
.
(a cura di Mauro Lubrani)

Tettuccio, iniziato il restauro della Fontana Tofanari

La Fontana Tofanari dello stabilimento Tettuccio

Mercoledì 19 ottobre è iniziato ufficialmente l’intervento di restauro della Fontana Tofanari. Il cantiere è protetto da un separé, sul lato centrale è stata predisposta una foto antica della fontana e ringraziamo lo studio fotografico Rosellini per la collaborazione e per le foto ricordo di gruppo. A chi ha già espresso perplessità suggeriamo di pazientare fino alla conclusione dei lavori. Nel frattempo il reparto Giardinaggio sta trasportando le antiche piante nelle Serre Salute per l’invernale messa a dimora.
Le parole e i fatti non si pesano nella stessa bilancia.”(Proverbio)
Angeli del Bello – post su Facebook del 20 ottobre 2022

Un consiglio ai giovani: fate volare i vostri sogni

La professoressa Antonella Viola è un’immunologa e divulgatrice scientifica

Ci sono giorni in cui lasciare casa, prendere un treno per un impegno di lavoro fuori città è pesante, difficile… e si parte con una sorta di triste stanchezza che apre le porte a troppe domande. Ieri è stato così. Mio figlio, in lacrime per un insignificante fallimento, mi ha detto “Io non sono capace di fare nulla, non ho alcun talento: sono inutile“. Questa è una frase che sento ripetere spesso dai ragazzi: non sono un genio e quindi devo accontentarmi delle briciole, non realizzerò mai i miei sogni. E, d’altro canto, sento troppo spesso adulti parlare di talento come se fosse un dono riservato a pochi. Mi domandano: lei come ha scoperto il suo talento? E io rispondo: scusi quale? …. Ragazzi, tranne che per rarissime eccezioni, il genio o il talento non esistono! Esistono persone mediamente intelligenti che però si sono impegnate molto, esiste la passione, la perseveranza, la capacità di imparare dai propri, tanti, utilissimi errori. Conosco personalmente premi Nobel che sono persone di una banalità inimmaginabile… ma che non hanno mai smesso di far volare i sogni e di alimentare la passione con l’impegno e la fatica. E che quando falliscono, piangono sì (quanto ho pianto per il mio lavoro!) ma il giorno dopo si rimboccano le maniche e ricominciano proprio da lì. Dagli errori e dai sogni.
Antonella Viola – post su Facebook del 16 ottobre 2022

Leggi “Le parole della domenica” 132

Leggi “Le parole della domenica” 130

Leggi “Le parole della domenica” 129
Leggi “Le parole della domenica” 128

Leggi “Le parole della domenica” 127
Leggi “Le parole della domenica” 126

Leggi “Le parole della domenica” 125
Leggi “Le parole della domenica” 124

Leggi “Le parole della domenica” 123

Leggi “Le parole della domenica” 122


Leggi “Le parole della domenica” 121

Leggi “Le parole della domenica” 120

Naturalmente sul sito si trovano archiviate tutte le “Parole della domenica” a partire dalla numero uno ad oggi

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi