Pages Navigation Menu

Le notizie della tua città

Vellano dedica una scultura a Brunello, il cane abbandonato che ha vissuto 17 anni adottato dal paese

Vellano dedica una scultura a Brunello, il cane abbandonato che ha vissuto 17 anni adottato dal paese

La storia del cane  Brunello è molto simile a quella di molti altri animali abbandonati da uomini senza scrupoli  al loro destino.
Correva l’anno 2003 quando a Vellano, lungo la strada principale, venne fatto scendere, da una macchina appena soffermata,  un cane nero, giovanissimo, di medie dimensioni. I proprietari si liberarono del loro cane con un gesto veramente ignobile ma mai avrebbero pensato di fare un regalo così bello ed importante all’intera comunità paesana. 
Il cane rimase subito simpatico a tutti e tutti si prodigarono per accoglierlo e accudirlo nel migliore dei modi: qualcuno pensò anche di avvisare anche l’accalappiacani ma quando questo giungeva nel paese, il cane magicamente spariva protetto dai bambini che con lui giocavano: dopo alcuni tentativi, anche l’accalappiacani rinunciò alla sua missione. 
A quel punto era indispensabile dare un nome al cane e, visto quanto fosse speciale e prezioso,  venne deciso di chiamarlo Brunello, sia per il colore del manto, sia in omaggio al famoso vino.
Brunello ha vissuto a Vellano 17 anni, lì, nello stesso punto dove venne abbandonato, regalando a tutti indimenticabili momenti di grande affetto. Giocava con i bambini e la domenica faceva una capatina al circolo: se lo accarezzavano, accompagnava le persone a casa e durante i funerali, si metteva in coda fino all’ingresso del cimitero.
Roberto Silvestri e la sua famiglia lo accoglievano in casa nelle notti più fredde preparandogli un pasto caldo e qualche medicina al bisogno.
Brunello è stato per anni, uno dei simboli più belli del paese e tutti gli hanno voluto un gran bene.
Brunello è morto, ormai vecchio, da alcuni mesi ma i vellanesi non hanno voluto che la sua storia terminasse ed hanno deciso di dedicargli un monumento a futura memoria.

La scultura-cartolina su lastra di pietra serena realizzata dal maestro Roberto Politano

Il locale circolo Arci si è dato da fare e, grazie alla disponibilità di Marco Nardini e della sua cava, è stata commissionata al maestro Roberto Politano una scultura-cartolina su lastra di pietra serena che ricordasse questo cane e la sua storia, veramente unica e particolare.
E’ stata aperta una sottoscrizione popolare e l’opera ha trovato compimento: Brunello avrà il suo monumento per sempre, proprio lì nel luogo dove venne abbandonato e dove ha vissuto  per tutti questi anni.
La grande scultura verrà posizionata e inaugurata lunedì 4 gennaio alle ore 12  alla presenza del sindaco Oreste Giurlani e di tutti coloro che vorranno prendere parte a questa semplice cerimonia.
Non capita tutti i giorni di sapere che un paese dedica un monumento ad un cane abbandonato come fosse una persona importante da ricordare!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi