Pages Navigation Menu

Le notizie della tua città

Parole della domenica ai tempi del virus, il Natale più triste ma il vaccino porta speranze

Parole della domenica ai tempi del virus, il Natale più triste ma il vaccino porta speranze

Abbiamo trascorso il Natale più triste della nostra vita per chi non ha vissuto quelli del periodo di guerra. Confusi da regole strane e con la convinzione che questo virus, che ha trasformato l’anno che sta per finire in uno dei periodi più drammatici per l’intera umanità, non ha nessuna intenzione di sparire.
In dieci mesi in Italia ci sono stati oltre due milioni di contagiati e più di 72mila morti. Abbiamo perso persone che facevano parte della nostra vita, ad altri non è stato possibile dare l’ultimo saluto. Le nostre abitudini sono cambiate in maniera inaspettata e radicale. Nessuno avrebbe pensato che potesse accadere una cosa di questo genere un anno fa.
La notizia buona è che da oggi cominceranno le prime vaccinazioni anche nel nostro Paese. Comunque, non c’è da illudersi perché ci vorranno ancora mesi prima di avere un buon numero di persone vaccinate e di cominciare a vedere i primi effetti. Il vaccino, comunque, ha portato speranza e fiducia. E non è poco.
Il 2020 è stato anche l’anno più difficile per Montecatini, già in crisi prima dell’avvento del virus, poi da questo messa in una situazione di difficoltà enorme per il turismo e per i settori ad esso collegati come ristoranti, bar e negozi. Tutto questo ha portato ad una situazione economica e sociale molto difficile con tante famiglie che si sono trovate all’improvviso senza lavoro e reddito.
Le parole della domenica – raccolte nel web e nei giornali – ci parlano di un messaggio di Antonino Caponnetto lasciato in eredità ai giovani e del progetto di un film su Lando Vinicio Giusfredi, ucciso a soli 20 anni nel marzo 1944 nella Fortezza S. Barbara a Pistoia insieme ad altri tre ragazzi come lui. L’impegno del Comune di Massa e Cozzile è di far conoscere la triste storia di Lando Vinicio alle future generazioni per non dimenticare.
Buone Feste e buona lettura a chi vuole seguirci.
(a cura di Mauro Lubrani)

Antonino Caponnetto – magistrato
(Caltanissetta, 5 settembre 1920 – Firenze, 6 dicembre 2002) 


IL REGALO PIU’ GRANDE

Michele Serra

La tavolata con i parenti, i baci e gli abbracci di auguri, il giro di saluti con gli amici. Sembra un’altra vita,  è solo l’ultimo Natale trascorso insieme. “Un anno fa – scrive Michele Serra – tutto sembrava normale e ricorrente. Nessuno sospettava che il cielo stava per caderci sulla testa. Anche se il virus già era in mezzo a noi”. Invece questa volta alla vigilia tutta Italia entra in zona rossa e ad eccezione di quattro giorni  – il 28, 29, 30 dicembre e il 4 gennaio – ci resta fino all’Epifania.
Un’esperienza di feste forzatamente intime o solitarie che la maggior parte di noi non aveva mai conosciuto. Eppure, nota ancora Serra, “questo Natale rarefatto, sofferente, distanziato, è, se possibile, perfino più Natale del consueto: meno scontato, meno facile, più concentrato sulla sua essenza, che è festeggiare l’inizio. Dopo un anno passato a temere che tutto stesse finendo, solo parlare di inizio è già una enorme consolazione”.
Michele Serra – “La Repubblica” del 24 dicembre 2020

UN FILM SULLA STORIA DI LANDO VINICIO GIUSFREDI

Lando Vinicio Giusfredi (1924-1944)

Quattro narcisi gialli sono l’ultima cosa su cui si è soffermato lo sguardo del giovane Vinicio prima di morire. La commozione lo travolge. Anche lui grondante di pioggia fra poco diventerà rugiada. La voce del tenente Jemolo chiama il plotone di esecuzione e nel delirio degli ultimi attimi i sentimenti si offuscano e al tempo stesso le immagini si affollano chiare e limpide. La vita, tutta la sua breve vita – il volto di mamma e babbo, le labbra di Fedora, le corse nei campi e le risate all’alba – come un treno in corsa, la vita passa veloce in un diorama inarrestabile. Poi la scarica.
Inizia cosí il discorso di Firenza Guidi, regista di fama internazionale, che realizzerà un film sulla storia di Lando Vinicio Giusfredi e sui quattro ragazzi della Fortezza, un film promosso e prodotto dall’amministrazione e fortemente voluto dal sindaco di Massa e Cozzile. Il via a questo progetto complesso e ambizioso, era già stato dato nel 2019 per poi partire con i preparativi e le riprese nel 2020. L’emergenza sanitaria ha messo un freno alla sua realizzazione ma nell’osservanza delle norme, alcuni dei preparativi sono già stati messi in atto e ora la regista rende pubblico l’invito a inoltrare showreel all’indirizzo showreel@elanfrantoio.org entro il 31 Dicembre 2020. L’amministrazione e la produzione si auspicano vivamente che il film possa essere presentato entro il 2021.
Il 18 Febbraio 1944 la Repubblica Sociale di Salò emette un decreto che convoca alle armi tutti i giovani nati nel ’24 – ’25, pena la fucilazione come renitenti alla leva. Poco più di un mese dopo, il 31 marzo 1944, quattro ragazzi vengono processati e fucilati dalle milizie repubblichine alla Fortezza di Santa Barbara a Pistoia: sono Alvaro Boccardi, Aldo Calugi, Valoris Poli e Lando Vinicio Giusfredi, giovane calzolaio di Vangile.
“Mai come ora” – afferma il Sindaco Marzia Niccoli – “c’è bisogno di riscoprire e di fare propri quei valori che portarono i quattro ragazzi a quella scelta: i valori della pace, della giustizia, della solidarietà. Questi valori sono sempre attuali e lo sono oggi più che mai, a seguito dell’emergenza sanitaria che si è venuta a creare in questo anno cosí difficile e travagliato. È proprio ora che bisogna farli propri e trasmetterli alle nuove generazioni perché  loro saranno i protagonisti, la vera risorsa  del futuro e spetta agli adulti e alle istituzioni educarli alla libertà, al senso di responsabilità allargando i loro orizzonti  anche con esempi concreti che fanno parte della nostra storia, della nostra italianità.
Oggi più che mai è necessario ricordare che la molla della vita stessa è il rispetto di noi stessi e degli altri, che sta alla base di qualunque tipo di relazione umana.

Leggi “Le parole della domenica” 37

Leggi “Le parole della domenica” 36

Leggi “Le parole della domenica” 35

Leggi “Le parole della domenica” 34

Leggi “Le parole della domenica” 33

Leggi “Le parole della domenica” 32


Leggi “Le parole della domenica” 31

Leggi “Le parole della domenica” 30

Leggi “Le parole della domenica” 29

Leggi “Le parole della domenica” 28

Leggi “Le Parole della domenica” 27

Leggi “Le parole della domenica” 26

Leggi “Le parole della domenica” 25

Leggi “Le parole della domenica” 24

Leggi “Le parole della domenica” 23

Leggi “Le parole della domenica” 22

Leggi “Le parole della domenica” 21

Leggi “Le parole della domenica” 20

Naturalmente sul sito si trovano archiviate tutte le “Parole della domenica” a partire dalla numero uno ad oggi

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi