Pages Navigation Menu

Le notizie della tua città

Parole della domenica, la guerra in Ucraina si ripercuote sul nostro turismo

Parole della domenica, la guerra in Ucraina si ripercuote sul nostro turismo

Ora ci mancava anche la guerra in Ucraina per dare un’altro colpo al già fragile turismo montecatinese. Infatti, il periodo primaverile è uno di quelli con maggiori presenze di turisti dalla Russia e dall’Ucraina. Tra l’altro, si tratta di un tipo di clientela molto ricercato per più motivi: la loro certezza sull’efficacia delle cure termali, lunghe permanenze e buone disponibilità di spesa, oltre che negli alberghi, anche nei negozi e nei ristoranti. Prima della pandemia addirittura c’era stato un boom di presenze a Montecatini proprio dai due paesi oggi in conflitto. Ed ora, invece, stanno giungendo inevitabili disdette.
Ma i problemi non finiscono qui, perché gli addetti ai lavori temono che le rinunce possono venire anche da altri paesi (in primis la Polonia), ma che gli Stati Uniti possano sconsigliare ai propri concittadini di venire in Europa teatro della guerra in corso.
Dunque, quella che poteva essere considerata la prima stagione turistica della ripresa viene penalizzata da un evento assolutamente imprevisto come il conflitto scatenato da Putin.

Come ogni settimana, ho cercato nel web e sui giornali altre storie per chi voglia leggere ma soprattutto per chi voglia riflettere.
Buona domenica a chi ci segue 

(a cura di Mauro Lubrani)

Papa Francesco va ad implorare la pace

Un uomo anziano e claudicante si trascina a casa dell’aggressore a chiedere pace. A implorare pace. Quest’uomo è il papà della Chiesa cattolica e da sempre dice, nel solco di chi lo ha preceduto, secondo il Magistero che ha ereditato e che i suoi gesti rinnovano: se prevale l’orgoglio, la pace è impossibile.
Nessun leader mondiale ha sinora compiuto un gesto umano, culturale e politico di pari livello, perché la politica ormai sa contare solo i chilometri cubi di gas e la percentuale di Pil degli scambi commerciali. Chi usa questi criteri non può aiutare nessuno, interceder e per nessuno, tantomeno per il più debole.Portate un filo di rispetto al cattolicesimo, pilastro imperfetto, ma irrinunciabile, di qualsiasi possibilità di pace in ogni angolo del mondo.
Marco Iasevoli – post su gruppo Papa Franciscus del 26 febbraio 2022

Addio a Gary Brooker, cantante che ha fatto sognare tante generazioni

Gary Brooker (Londra, 29 maggio 1945 – Londra, 19 febbraio 2022)

La sua voce ha attraversato gli anni Sessanta e i primi anni Settanta lasciando un segno in tutto il mondo. Il suo maggior successo, A whiter shade of pale, è stato uno dei brani simbolo nella colonna sonora della Summer of love. Gary Brooker, cantante e pianista dei Procol Harum, è morto a 76 anni. “Siamo molto dispiaciuti di annunciare la morte di Gary Brooker”, hanno scritto gli altri membri della band in un post su Facebook. “L’unica costante che definisce i cinquant’anni di carriera della band: la voce e il pianoforte di Gary erano leggendari e lasciano un’eredità che durerà per generazioni. Mancherà moltissimo a tutti coloro che lo hanno conosciuto”. Lo scorso novembre Brooker aveva cancellato per problemi di salute non precisati il tour mondiale, con alcune date anche in Italia. La morte risalirebbe al 19 febbraio.

Leggi “Le parole della domenica” 98

Leggi “Le parole della domenica” 97

Leggi “Le parole della domenica” 96

Leggi “Le parole della domenica” 95

Leggi “Le parole della domenica” 94

Leggi “Le parole della domenica” 93

Leggi “Le parole della domenica” 92

Leggi “Le parole della domenica” 91

Leggi “Le parole della domenica” 90

Leggi “Le parole della domenica” 89

Leggi “Le parole della domenica” 88

Leggi “Le parole della domenica” 87

Leggi “Le parole della domenica” 86

Leggi “Le parole della domenica” 85

Leggi “Le parole della domenica” 84

Leggi “Le parole della domenica” 83

Leggi “Le parole della domenica” 82

Leggi “Le parole della domenica” 81

Leggi “Le parole della domenica” 80

Naturalmente sul sito si trovano archiviate tutte le “Parole della domenica” a partire dalla numero uno ad oggi

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi