Pages Navigation Menu

Le notizie della tua città

“Acqua in bocca” al Tettuccio: domenica 23 ottobre Livia Porta Musa presenta la biografia letteraria della madre

“Acqua in bocca” al Tettuccio: domenica 23 ottobre Livia Porta Musa presenta la biografia letteraria della madre

“Giovane è la parola”, la biografia letteraria di Carla Porta Musa (nella foto), raccontata dalla figlia Livia che sarà l’ospite numero 141 della rassegna Acqua in bocca (ma non troppo) domenica 23 ottobre alle 17 nel salone Portoghesi dello stabilimento termale Tettuccio di Montecatini Terme.  Scrittrice, poetessa  e saggista. Carla Porta Musa è stata e resterà per sempre tutto questo. Per ricordarla ci sarà la figlia Livia, nota pediatra comasca. ” Il segreto della longevità di mia madre – commenta Livia – è stato il suo amore per tutto e tutti. Era molto vicina anche alle persone semplici. A distanza di dieci anni dalla sua scomparsa è ancora nei pensieri di molti”. Studia nei migliori collegi tra Losanna, Inghilterra e Francia. Nel 1908 Carla aveva soltanto sei anni quando il padre Enrico Musa, noto ingegnere milanese,  le regalò una piccola biblioteca.
Siamo negli anni venti quando decide di organizzare  incontri letterari  all’associazione culturale Carducci  fondata dal padre per la cultura popolare. Nascono i Lunedi letterari, una riunione settimanale anche con celebri scrittori e poeti. Inizia un sodalizio e una corrispondenza con Benedetto Croce, Salvatore Quasimodo, Giorgio De Chirico, Maria Callas. Ha attraversato più di un secolo di cultura.   “Dio è stato molto generoso con me – diceva Carla Porta Musa – mi ha dato la memoria ed anni per coltivarla “.
Morta a 110 anni , piena di attenzione verso il bello e verso il bene, Carla Porta Musa , progressista e conservatrice, autrice di più di trenta romanzi e opere varie, esponente della cultura e della borghesia intellettuale  comasca e italiana.  Indimenticabile firma  di ‘ Eva ‘, ‘ Amica ‘ e  della ‘ Domenica del Corriere ‘. Fonda la rivista ‘Como’ di cui diventerà direttore responsabile. Ha proposto Il  ‘Premio dei Laghi Lugano e Como ‘ che vantava una giuria stellare da Buzzati, Allodoli, Possenti, Carnati. “Voglio tenere viva la sua memoria, consapevole dell’impegno letterario e dei successi. Non ha ricevuto l’attenzione che in vita proprio per le sue molteplici attività avrebbe meritato – conferma la figlia Livia -. Nei nostri progetti vi è quello di stimolare la conoscenza negli ambienti universitari “.  Ingresso libero per il pubblico. Conduce l’incontro Simona Peselli.   

2 Comments

  1. Tanti auguri di buon Natale e buone feste. Speriamo di ricederVi presto!

  2. Buone feste a tutti.Auguri!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi