Pages Navigation Menu

Le notizie della tua città

Vaccinazioni anti Covid: terza dose per i soggetti fragili con prenotazioni dal 16 ottobre

Vaccinazioni anti Covid: terza dose per i soggetti fragili con prenotazioni dal 16 ottobre

La situazione delle vaccinazioni contro il Covid19. La campagna per la terza dose del vaccino anti-Covid entra nel vivo con l’apertura delle prenotazioni, da mezzogiorno del 16 ottobre, per tutti gli over 60. Oltre alle categorie sin qui autorizzate, si tratterà di quasi 900 mila toscani che potranno accedere al sito web prenotavaccino.sanita.toscana.it , per prendere l’appuntamento, tenuto comunque conto che devono essere trascorsi almeno sei mesi dalla seconda dose per poter ricevere la terza.Appuntamenti online.
Sul portale Prenota Vaccino sarà possibile prendere l’appuntamento per tutti gli over 60 che hanno avuto la seconda dose da almeno 5 mesi: la somministrazione della terza dose non potrà avvenire prima dei 6, ma se la data cade entro i 30 giorni successivi sarà già possibile prenotare. 

Ora tocca alle persone fragili per la terza dose, che completa il ciclo vaccinale primario e si comincerà da lunedì 4 ottobre.
Gli ospiti delle RSA saranno vaccinati nelle strutture mentre il personale potrà prenotarsi sul portale prenotavaccino.sanita.toscana.it nella sezione dedicata (attiva dal 7 ottobre).
Le persone con più di 80 anni avranno quattro modalità:
– dal proprio medico di medicina generale, contattando il medico oppure prenotandosi sul portale prenotavaccino.sanita.toscana.it, cliccando sulla nuova sezione “Mi vaccino dal mio medico” (attiva da lunedì);
– in farmacia;
– negli hub e centri vaccinali prenotandosi sul portale da lunedì oppure andando direttamente al centro vaccinale con il libero accesso senza prenotazione;
– a domicilio nei casi di impossibilità a uscire dalla propria abitazione per i quali è prevista la vaccinazione, grazie alle zone distretto territoriali delle ASL e i medici di medicina generale.

Le vaccinazioni vengono effettuate alla ex Filanda dell’ospedale di Pescia e al centro vaccinazioni del Palaterme a Montecatini (leggi l’articolo). Quest’ultimo centro ha chiuso i battenti il 30 settembre. La chiusura della Cattedrale di Pistoia è prevista per l’8 ottobre.
Il bilancio degli hub vede la Filanda di Pescia, che ha somministrato 17.695 vaccini, il circolo Mcl San Biagio 43.144, il PalaTerme di Montecatini 74.373, quello alla Cattedrale di Pistoia è a quota 131.548.

In Toscana sono oltre 50.000 persone: 5.000 trapiantati, 2.100 dializzati, 5.000 persone con sindrome di Aids, 25.000 pazienti oncologici e circa 13/15.000 immuno compromessi.

Vaccinazioni antinfluenzali

Al via dal 25 ottobre la campagna antinfluenzale con oltre un milione di vaccini per gli aventi diritto.La data di partenza è frutto di valutazioni relative al fatto che negli ultimi anni l’epidemia influenzale si è manifestata soprattutto nei primi mesi dell’anno.Si è puntato quindi a garantire la più alta copertura possibile nei mesi in cui l’influenza si manifesta maggiormente.

Vaccinazioni anti-Covid: la situazione

Le vaccinazioni nel pistoiese hanno un andamento più lento rispetto alle altre zone di area Toscana Centro. Infatti, i numeri della campagna vaccinale anti-covid aggiornati al 19 settembre hanno tutti un elemento comune a tutte le fasce anagrafiche pistoiesi (tranne che per i settantenni): siamo all’ultimo posto nella classifica vaccinale di area.
Partiamo dai più giovani, i 12-17enni, il 67,71% dei quali ha ricevuto la prima dose di vaccino (70,18% è la media Atc), per poi proseguire con i 18-29enni, all’80,6% immunizzati a metà.
La Valdinievole continua ancora ad essere più arretrata nei numeri, specialmente per queste due fasce anagrafiche che in questa zona si fermano a quota 61,12% (12-17 anni) e 74,82% (18-29enni).
Proseguendo eccoci ai trentenni, il 75,56% dei quali ha ricevuto una dose di siero anti-covid (58,4% anche la seconda dose), poi ai quarantenni con il 78,66% dei vaccinati (seconda dose per il 64,89%) e ai cinquantenni a quota 84,22% (seconda dose 73,55%).
Uno sguardo ai più vulnerabili sul fronte dei rischi derivanti dal covid. Si può ormai guardare alle tre fasce che seguono con una certa “tranquillità” dal momento che ciascuna di queste tocca quota 90% dei vaccinati: i 60-69enni vaccinati al primo step sono ormai l’89,36% (seconda dose per il 72,47%), i 70-79enni sono il 92,52% (seconda dose 82,83%) e gli ultraottantenni sono il 97,22% (seconda dose per il 92,09% degli assistiti). Guardando agli hub, la Filanda di Pescia ha somministrato 17.695 vaccini, il circolo Mcl San Biagio 43.144, il PalaTerme di Montecatini 74.373 mentre l’hub principale della città, quello alla Cattedrale di via Pertini, è a quota 131.548.

Situazione contagi in Toscana

La situazione della Toscana resta relativamente tranquilla. Al momento le terapie intensive sono al 7% (il limite per entrare in zona gialla è al 10%) mentre la presenza di pazienti covid nei posti letto ordinari è dell’8% e sale di un punto (qui il limite è il 15%).
Come è noto invece, è notevolmente superiore al normale il tasso dei positivi settimanali ogni centomila abitanti: al momento, riporta l’Agenas, è al 118,48 per la settimana 16-22 agosto, ma in calo rispetto alla settimana precedente (quella 9-15 agosto, quando era stato il 132,16). 

Valdinievole in ritardo

La Valdinievole (tranne i comuni di Larciano e di Lamporecchio) sta facendo registrare un numero inferiore di vaccinati rispetto al resto della provincia. Tra l’altro, a questi dati corrisponde un numero più alto di contagi. Una situazione che sta evidenziando il sindaco di Buggiano Daniele Bettarini.
“La nostra Provincia – scrive Bettarini – continua ad avere % di vaccinati inferiori alla media generale del 2.38% per le prime dosi e del 3.25% per le seconde. In buona parte il gap è dovuto alla Valdinievole dove quasi tutti i Comuni hanno % lontane dalla media Provinciale (in rosso nella tabella) e lontanissime da quella dei territori Usl Toscana Centro (-4.31% sulla 1^ dose e -6.10% sulla 2^), anche i Comuni della Montagna hanno differenze in negativo non trascurabili, mentre la Zona Pistoiese è quasi in linea con le medie generali.
Non credo, anzi sono certo che in Valdinievole la causa delle minori vaccinazioni non è da attribuire ai Cittadini, penso che i problemi siano da ricercare nella organizzazione, nel sistema di prenotazione e nella diffusione dei centri vaccinali.Spero in una attenta riflessione che porti a un cambio marcia, non è possibile che la Valdinievole sia sempre Cenerentola senza mai vedere il lieto fine. Dedicato a chi di dovere…”.

Situazione vaccinazioni

Dopo l’annuncio dell’arrivo del green pass da parte del Presidente del Consiglio Draghi, anche la Toscana ha avuto un boom di vaccinazioni e di prenotazioni. Il Presidente della Regione Giani ha annunciato che più di 40mila vaccini somministrati nelle ultime 24 ore, 3 milioni e 790mila in totale.
Inoltre, è stata riaperta la possibilità delle prenotazioni last minute dalle 19 di ogni sera per permettere a chi è rimasto indietro di effettuarla: l’obiettivo – ha detto il presidente Giani – è di raggiungere quota 80% di prime vaccinazioni (oggi siamo al 62%) nel più breve tempo possibile.

Gli over 60 che hanno fatto la prima dose con AstraZeneca, a partire dal 21 luglio a mezzogiorno, potranno scegliere di anticipare la seconda dose. La Regione, fatti i conti sulle forniture disponibili, ha deciso di concedere alle categorie più a rischio, le fasce di età più anziane, di ridurre i tempi per la seconda dose del vaccino, in modo da essere maggiormente protette dalla variante Delta. 

Rispetto agli 84 giorni di intervallo finora previsti per il richiamo, 60 mila toscani potranno così anticipare di qualche giorno — in media una settimana — la seconda somministrazione: chi aveva l’appuntamento dal 2 al 9 agosto, potrà ri-prenotarlo per il periodo tra il 26 luglio e il primo agosto; chi invece lo aveva tra il 16 e il 23 agosto, potrà anticipare dal 9 al 15. Per il cambio di data, sul portale Prenota Vaccino, si dovrà cliccare sulla funzione «modifica seconda dose». Oltreché per ragioni sanitarie, il provvedimento è importante anche in funzione dalla prossima e probabile approvazione del nuovo green pass, che sarà concesso solo con la doppia dose di vaccino.


Le prenotazioni si effettuano su http://prenotavaccino.sanita.toscana.it.

Le persone con più di 80 anni che non sono state ancora contattate dal medico di famiglia possono prenotare il vaccino su https://prenotavaccino.sanita.toscana.it
Chi avesse difficoltà a prenotarsi sul portale può telefonare al numero verde 800 11 77 44 attivo, da domani, tutti i giorni dalle ore 9 alle 17

Per collegarsi al portale https://prenotavaccino.sanita.toscana.it/#/home


E’ attivo il nuovo servizio di informazioni della Regione Toscana Info Covid 
055 9077777 
Il servizio è a disposizione di tutti i toscani per informazioni su vaccini, tamponi, quarantene. Il call center è attivo tutti i giorni dalle 9 alle 16).

Inoltre questo il link della Regione Toscana dove si potranno trovare le informazioni utili sulla vaccinazione Covid-19: https://www.regione.toscana.it/-/vaccinazioni-covid-chi-come-quando

Intanto, c’è un po’ di preoccupazione anche nella nostra Regione per un’accelerazione improvvisa dell’epidemia, che tuttavia non sorprende, sia perché nei giorni scorsi i numeri avevano smesso di scendere, sia per l’improvvisa diffusione della variante Delta, la «indiana», spuntata in Toscana dai tamponi sequenziati negli ultimi dieci giorni, ma effettuati nella seconda metà di giugno.
Nei primi 7 giorni di luglio la Toscana ha registrato 351 nuovi casi, contro i 290 dell’ultima settimana di giugno. Segno che la grande discesa dell’epidemia partita dal picco di aprile si è interrotta, per tornare, almeno fino a mercoledì scorso, a risalire lievemente. Ora, l’accelerazione: i casi riguardano in particolare i giovani. Tra i nuovi positivi di ieri non ci sono over 80 e appena 3 over 65. Ben 74 casi su 94 (quasi il 79%) riguardano under 50, in particolare la fascia tra i 18 e i 34 anni, con 37 contagiati.

4 Comments

  1. MA PER SAPERE QUANDO VERRANNO VACCINATI LE CATEGORIE FRAGILI, CIOè PERSONE DA 55 ANNI A 79 ANNI CON PATOLOGIE, QUANDO POTREMMO SAPERLO, ANCHE PERCHè L’ATTESA CI DISTRUGGE, GRAZIE

    • Le categorie con patologie verranno convocate per la vaccinazione direttamente dai servizi ospedalieri

  2. Buona sera mi chiamo COSTANTINO DIOLAIUTI come mai mia madre Ghilardi Adriana aveva appuntamento alle ore 17 e stata vaccinata alle ore 19 essendo su una sedia a rotelle.

  3. Come mai

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi