Pages Navigation Menu

Le notizie della tua città

Il santo, la frase, il film e le parole del giorno (compresa quella di Dante)

Il santo, la frase, il film e le parole del giorno (compresa quella di Dante)

IL SANTO 

Santi CORNELIO E CIPRIANO   Papa e Vescovo, martiri – Memoria
† 253 e 258
SAN CORNELIO, originario di Roma, fu eletto papa nel 251 per la sua umiltà e la sua bontà, dopo un periodo di sede vacante a causa della violenta persecuzione di Decio. L’eretico Noviziano lo contrastò scatenando uno scisma ma Cornelio fu riconosciuto da quasi tutti i vescovi, primo fra tutti S. Cipriano. Morì nel 253, imprigionato a Civitavecchia, durante la persecuzione di Gallo.

SAN CIPRIANO, vescovo e martire, nacque a Cartagine verso il 210. Dopo tre anni dalla sua conversione al Cristianesimo, fu eletto vescovo della sua città. Ritiratosi in clandestinità durante la persecuzione di Valeriano, venuto a conoscenza di essere stato condannato a morte, tornò a Cartagine per dare testimonianza di fronte ai propri fedeli e venne decapitato nel 258.

IL BUONGIORNO

“Il destino mescola le carte e noi giochiamo”.
(Arthur Schopenhauer)

LA PAROLA DEL GIORNO

perdonare

È disponibile il nuovo Zingarelli 2022. Per maggiori informazioni clicca qui.

La Parola del giorno celebra i 700 anni dalla morte di Dante. Continua il viaggio della Parola del giorno tra le parole italiane citate nella Commedia e comunemente usate ancora oggi: quali significati avevano al tempo di Dante?
  per–do–na–re
perdonàre🔊 / perdoˈnare /
[ lat. mediev. perdonāre, dal class. condonāre, con cambio di pref. ☼ 1224 ca.  ]

v. tr. (io perdóno)
❖ assolvere qlcu. dalla colpa commessa (+ di, + per, anche seguiti da inf. ):
ti perdono perché sei stato sincerolo perdono del danno che mi ha causatolo perdono per non avermelo detto

❖ dimenticare, condonare l’errore compiuto da qlcu. :
perdoneranno la tua mancanza, la tua distrazionenon gli perdona nullanon le perdona di averlo offeso
● Dio lo perdoni!, Dio abbia pietà di lui● non gliela perdono, prima o poi gliela farò pagare● non gliela perdonerò mai, gli serberò sempre rancore per ciò che ha fatto● † perdonare la pena, il castigo, condonarlo, non applicarlo● perdonare il debito, rimetterlo2 ❖ trattare o considerare con indulgenza e comprensione:
bisogna perdonare certe piccole manie

❖ lett.   lasciare immune:
 né le infermità mi hanno perdonato (G. Leopardi)

❖ † risparmiare qlco. a qlcu. :
 Amor, ch’a nullo amato amar perdona (Dante Inf. V, 103)
❖ scusare:
perdonate il disturboperdonami il disordinemi perdoni se le telefono a quest’ora

v. intr. (aus. avere)
❖ concedere il perdono:
sono vent’anni che ha lasciato la casa e i suoi non gli hanno ancora perdonato
● non perdona, riferito a persona molto dura, o a male fisico mortale, inesorabile:
una malattia che non perdona
perdonàrsi v. rifl. recipr. 
❖ assolversi vicendevolmente:
si perdonarono e tutto finì in un abbraccio

La parola di Dante

La parola di Dante fresca di giornata è un’occasione per ricordare, rileggere, ma anche scoprire e approfondire la grande eredità linguistica lasciata da Dante. (da accademiadellacrusca.it)

La parola di oggi:

trasvolare

(Paradiso XXXII, 90)

Io vidi sopra lei tanta allegrezza
piover, portata ne le menti sante
create a trasvolar per quella altezza […]

Trasvolare, ‘volare su una grande distesa di terra o di acque’ è parola nata con Dante, ben prima della moderna aviazione, anche se essa e i suoi derivati, come trasvolata trasvolatore, sono usati con grande enfasi da scrittori e poeti del Novecento, come Gabriele d’Annunzio, pilota lui stesso, e i futuristi. Dante la usa per descrivere la scena degli angeli (chiamati “menti sante” ‘pure intelligenze celesti’) che avvolgevano di voli la Vergine Maria versando su di lei la gioia dell’amore di Dio.

F.S.

IL FILM DEL GIORNO

Questa sera, su La7d ore 21:30Il Morandini consiglia: 

Operazione sottoveste
Operation Petticoat – USA 1959
GENERE: Comm.  DURATA: 124′ VISIONE CONSIGLIATA: RAG.
CRITICA: PUBBLICO: 3
REGIA: Blake Edwards
ATTORI: Cary Grant, Tony Curtis, Joan O’Brien, Dina Merrill, Gene Evans

Danneggiato da un bombardamento, rabberciato e riverniciato di rosa, costretto a imbarcare un gruppo eterogeneo di ufficialesse, bambini filippini e capre, un sommergibile USA cerca di raggiungere una base al largo delle Filippine. Farsa marinaresca irriverente e assai gustosa, con unghiate antimilitaristiche che centrano il bersaglio. C’è un Grant d’annata. Consigliabile al ministro della Guerra. Intitolato in Italia anche Una nave tutta rosa. La sceneggiatura di Stanley Shapiro e Maurice Richlin fu candidata all’Oscar.

La recensione del film è tratta da:
il Morandini 2021
a cura di Laura Morandini, Luisa Morandini, Morando Morandini
Zanichelli editore

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi