Pages Navigation Menu

Le notizie della tua città

Tradizionale concerto di Capodanno al Salone Portoghesi con il flautista Arcadio Baracchi e i pianisti Angela Avanzati e Giuseppe Tavanti

Tradizionale concerto di Capodanno al Salone Portoghesi con il flautista Arcadio Baracchi e i pianisti Angela Avanzati e Giuseppe Tavanti

Tre concerti di musica classica per chiudere al meglio questo 2019 e aprire altrettanto bene il 2020.  Un tris di grandi appuntamenti in musica a cura dell’Accademia Leoncavallo e del suo direttore, il maestro Tavanti, tutti e tre nel prestigioso Salone Portoghesi dello stabilimento Tettuccio, con la collaborazione delle Terme e del comune di Montecatini.
Dopo i concerti che si sono svolti alla vigilia di Natale con i giovani artisti che si sono distinti nel corso della prestigiosa manifestazione europea di Barcellona e ai ragazzi certificati per la musica dal Trinity College of London, e a Natale con un recital del pianista Giuseppe Tavanti, ora è il momento del tradizionale appuntamento per salutare in musica il Nuovo Anno.
Mercoledì 1 gennaio al Salone Portoghesi si terrà il celebre concerto di Capodanno, giunto quest’anno alle 16esima edizione. Alle ore 11, come ogni anno, il nuovo anno sarà salutato con le note di Beethoven, Verdi, Bizet, Liszt ed altri grandi firme della buona musica. Protagonisti il celebre flautista Arcadio Baracchi e gli altrettanto noti pianisti Angela Avanzati e Giuseppe Tavanti. L’omaggio iniziale a Beethoven, la sua celeberrima quinta sinfonia eseguita quattro mani da Giuseppe Tavanti e Angela Avanzati, avviene in concomitanza con l’apertura del Giubileo di Beethoven, a 250 anni dalla nascita.
«Il nostro plauso – ha affermato l’assessore alla cultura Antonella Volpi – va al maestro Tavanti che ogni anno si impegna in prima persona per realizzare questi concerto gratuiti che danno grande lustro alla città. Montecatini vive in simbiosi con la musica; basti pensare che nel corso del 2019 oltre 600 studenti toscani hanno visitato Montecatini nell’ambito del centenario della morte di Leoncavallo, organizzata proprio dall’omonima Accademia».
Insieme a Terme e comune, anche la Fondazione Caript quest’anno ha dato il suo contributo all’iniziativa di Capodanno. «La Fondazione Caript è orgogliosa di partecipare all’evento – ha sottolineato Cristiana Pasquinelli, del cda della Fondazione – che offre ormai da anni un appuntamento fisso e irrinunciabile nel panorama culturale montecatinese. Ben vengono occasioni di musica e cultura come queste». 
Il concerto di Capodanno è ad ingresso libero fino all’esaurimento dei posti disponibili in sala.

Francesco Storai

Leggi anche: Successo del Concerto di Capodanno 2019

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi