Pages Navigation Menu

Tutte le news della tua città

Politiche sociali e welfare, ecco tutti gli interventi effettuati dal Comune

Politiche sociali e welfare, ecco tutti gli interventi effettuati dal Comune

Il Comune di Montecatini Terme continua a investire ingenti risorse nelle politiche sociali e nel welfare, distribuendo parte del proprio bilancio anche grazie all’integrazione con la Società della Salute della Valdinievole, un consorzio tra i Comuni della Valdinievole e l’Azienda sanitaria, che garantisce i bisogni di salute e di benessere del cittadino attraverso percorsi assistenziali integrati (che garantiscono l’esigibilità dei diritti di cittadinanza). Il Comune riserva oltre 750mila euro alla Sds, che gestisce tutta l’area socio-assistenziale e quella della non autosufficienza integrata con l’ambito socio-sanitario.

Sempre mediante la SDS il Comune di Montecatini Terme ha potuto essere protagonista nei progetti di inclusione sociale per soggetti fragili e comunque esclusi dal mondo del lavoro attraverso l’attivazione di percorsi personalizzati in grado di rafforzare gli strumenti a disposizione dei cittadini. In questo caso la spesa è di 20mila euro, mentre alcune integrazioni del progetto, come il laboratorio di falegnameria al cui interno vengono effettuati dei cicli di attività con un piccolo gruppo di residenti, per aiutare le persone ad acquisire competenze relazionali e professionali, vale un impegno annuo di 30mila euro.

Prosegue con grande soddisfazione in via Friuli il progetto CasaAmica dell’associazione “Tuttinsieme” che ha consentito d’intervenire, mediante la disponibilità immobiliare offerta dall’amministrazione comunale, sull’attuazione di forme di residenzialità con l’obiettivo del raggiungimento di una piena autonomia per le persone disabili, con la partecipazione diretta ed integrata dei genitori, degli educatori, dei volontari e dei cittadini.

Per quanto riguarda l’emergenza abitativa, il contrasto al grave problema a Montecatini è attuato con diversi modelli che si adattano alle necessità dell’utenza. La disponibilità in comodato gratuito di due alloggi di proprietà comunale è rivolto a favore dell’Opera Madonnina del Grappa, per un progetto di accoglienza gestito con la Caritas Diocesana riservato a famiglie e donne in situazione di fragilità. È in corso di assegnazione un altro alloggio, su progetto di Caritas Diocesana, per l’accoglienza maschile con l’obiettivo da una parte di garantire la disponibilità alloggiativa, dall’altra di contare su percorsi individualizzati di reinserimento sociale, attraverso l’attivazione della rete territoriale di supporto.

Il sostegno economico è anche rivolto a persone singole o nuclei familiari che versano in particolari situazioni di disagio economico, tali da non consentire di fronteggiare autonomamente il pagamento dell’affitto e/o del condominio in caso di proprietari di abitazione. Il Comune ha previsto 202mila euro a cui si aggiungono 1.300 euro del Cinque per Mille. Le persone straniere interessate sono circa il 18%. A ciò si aggiunge il supporto garantito, sulla base di valutazioni sulle condizioni economiche e personali, per gli anticipi necessari per la stipula di nuovi contratti ed il ricorso temporaneo alla sistemazione alberghiera per le persone che si trovano senza fissa dimora o che hanno subito l’esecuzione di uno sfratto senza essere riusciti a reperire soluzioni alternative.

 Il progetto “Nido d’emergenza”, realizzato in convenzione con la Misericordia nei locali della Parrocchia del Corpus Domini, consente di attuare un duplice percorso che consiste nella garanzia di un alloggio temporaneo e nell’avvio di un percorso di inclusione sociale peri soggetti interessati attraverso il supporto di personale appositamente formato, messo a disposizione dalla Misericordia di Montecatini Terme: a bilancio vanno 20.500 euro.

Esiste anche l’istituto di recente creazione legislativa della “Morosità incolpevole”: il Comune di Montecatini Terme accede al relativo Fondo Regionale, dove per “Per morosità incolpevole si intende la situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone locativo a ragione della perdita o consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare” Si tratta di contributi economici volti a prevenire l’esecuzione dello sfratto per morosità, i quali vengono erogati direttamente tramite S.p.e.s. (Società Pistoiese Edilizia Sociale) ai proprietari degli alloggi. Le risorse (non transitanti dal bilancio comunale) sono di 58mila euro.

Per quanto concerne il “Bando Contributi ad Integrazione dei Canoni di Locazione”, sulla base di un fondo nazionale istituito nel 1998, il Comune ogni anno pubblica un bando per assegnare contributi economici a sostegno del pagamento del canone di locazione, i cittadini con i requisiti previsti dal bando ottengono il contributo in ordine della relativa graduatoria alla presentazione delle quietanzate ricevute di pagamento dell’intero canone annuale di locazione.   Gli stranieri in questo caso sono il 13%. Le risorse regionali impiegate sono 23mila euro, quelle comunali 40mila.

Sempre in ottica di azioni di sostegno nei confronti dell’Associazionismo, grazie ad un bando per l’attività ordinaria con il quale viene riconosciuto il ruolo strategico per il territorio dei soggetti del volontariato che presenteranno la propria attività, ci sono 30mila euro disponibili.

 Anche il cosiddetto Terzo Settore contribuisce fortemente allo sviluppo delle azioni in campo sociale e socio-educativo e sono diversi i progetti attivi con le associazioni del territorio.

 Alla Società di Soccorso Pubblico, per esempio, esiste il progetto Città Amica, con cui si cerca di sostenere le categorie più deboli nei bisogni della vita quotidiana attraverso il supporto allo svolgimento di azioni della vita quotidiana (accompagnamento per la spesa, per commissioni, per visite mediche, per attività di socializzazione, etc.). Esiste anche un servizio di pulizia e igiene personale, rivolto alle persone in difficoltà mediante la messa a disposizione di servizi igienici, docce, lavaggio indumenti.

Il Pronto Montecatini si esplica mediante l’assistenza e l’informazione al cittadino riguardo le progettualità del territorio a valenza sociale; il Facile Ausilio consente la tempestiva fornitura di ausili nei casi di temporanea necessità. Le risorse per la convenzione con il Soccorso Pubblico sono di oltre 53mila euro.

Alla Misericordia di via Cairoli l’attività motoria e ricreativa per anziani cerca di coinvolgere la terza età in attività socializzanti finalizzate al miglioramento della qualità della vita, contrastando la solitudine. Il progetto dell’assistenza domiciliare leggera consente l’aiuto temporaneo per alzarsi e coricarsi, mentre esiste il trasporto scolastico per portatori di handicap. In totale le risorse per la convenzione sono di 75mila euro.

 Infine, lo sportello migranti, che garantisce servizi di accoglienza e integrazione per stranieri, apolidi o nomadi in particolare attraverso affiancamento riguardo alle pratiche necessarie per l’ottenimento dei documenti e orientamento sulla rete dei Servizi. L’apertura dello sportello è garantita con cadenza settimanale, presso la sede dei Servizi Sociali Comunali, per oltre 11mila euro.

Fonte: Comune di Montecatini Terme / Matteo Baccellini – Ufficio Stampa