Pages Navigation Menu

Tutte le news della tua città

Legge Minniti e lotta al degrado, due allontanamenti per accattonaggio

Legge Minniti e lotta al degrado, due allontanamenti per accattonaggio

Dopo la pubblicazione delle modifiche al regolamento di Polizia Urbana, effettuate in sintonia con la Legge Minniti, avvenuta lo scorso 16 agosto, la Polizia Municipale ha attuato una serie di controlli mirati all’accertamento di violazioni per contrastare il degrado urbano.

 Per accertare le violazioni devono verificarsi comportamenti reiterati da parte di soggetti che non consentono la libera fruizione degli spazi ai cittadini. Pertanto il Comando ha attivato specifici servizi sia con personale in divisa che in borghese.

I risultati sono subito arrivati con l’accertamento di 4 verbali e due ordini di allontanamento delle persone controllate: si tratta di persone che disturbavano i cittadini in due parcheggi (all’ex Lazzi e in via S.Marco), con episodi di accattonaggio molesto, “promuovendosi“ al ruolo di posteggiatori abusivi.

Gli accertamenti sono finalizzati, in caso di reiterazione, al provvedimento di allontanamento da parte della Pm e di un successivo provvedimento, il cosiddetto “Daspo Urbano, che può emettere il Questore.

Per quanto riguarda gli interventi sulle strade, da segnalare la sanzione a una cittadina extracomunitaria che guidava da tempo senza aver mai conseguito il titolo di guida. Alla consueta domanda di fornire patente e carta di circolazione la donna ha iniziato ad innervosirsi: da lì a poco la scoperta che la patente non l’aveva mai avuta.

 La Polizia Municipale ha redatto un verbale con una sanzione amministrativa di 5000 euro, oltre al fermo del veicolo per tre mesi che non potrà  essere utilizzato dal proprietario. Quest‘ultimo è stato ulteriormente sanzionato per incauto affidamento del veicolo alla donna che non aveva i requisiti per guidarlo.

Intanto proseguono i controlli anche in ambito commerciale: dopo i sequestri di merce ai venditori ambulanti abusivi, la Polizia Municipale si è concentrata sulle attività del territorio. In tale contesto è stata individuata una palestra che non aveva provveduto ad effettuare la comunicazione di inizio attività prevista dalla normativa vigente in materia di attività sportive.

Pesante la sanzione amministrativa di oltre 2000 euro e la sanzione accessoria della chiusura dell’attività.

 Il comandante Gatto commenta gli interventi. “Questi sono i primi fattivi risultati che le nuove disposizioni di legge ci hanno consentito di ottenere. La Polizia Municipale proseguirà nella sua attività e nei controlli a tutela del decoro urbano, confidando anche nelle nuove assunzioni“.

 

Fonte: Comune di Montecatini Terme / Matteo Baccellini – Ufficio stampa