Pages Navigation Menu

Tutte le news della tua città

Il santo, la frase e la parola del giorno

Il santo, la frase e la parola del giorno

San FILIPPO NERI   Sacerdote
Firenze, 1515 – Roma, 26 maggio 1595
Figlio di un notaio fiorentino di buona famiglia. Ricevette una buona istruzione e poi fece pratica dell’attività di suo padre; ma aveva subito l’influenza dei domenicani di san Marco, dove Savonarola era stato frate non molto tempo prima, e dei benedettini di Montecassino, e all’età di diciott’anni abbandonò gli affari e andò a Roma. Là visse come laico per diciassette anni e inizialmente si guadagnò da vivere facendo il precettore, scrisse poesie e studiò filosofia e teologia. A quel tempo la città era in uno stato di grande corruzione, e nel 1538 Filippo Neri cominciò a lavorare fra i giovani della città e fondò una confraternita di laici che si incontravano per adorare Dio e per dare aiuto ai pellegrini e ai convalescenti, e che gradualmente diedero vita al grande ospizio della Trinità. Filippo passava molto tempo in preghiera, specialmente di notte e nella catacomba di san Sebastiano, dove nel 1544 sperimentò un’estasi di amore divino che si crede abbia lasciato un effetto fisico permanente sul suo cuore. Nel 1551 Filippo Neri fu ordinato prete e andò a vivere nel convitto ecclesiastico di san Girolamo, dove presto si fece un nome come confessore; gli fu attribuito il dono di saper leggere nei cuori. Ma la sua occupazione principale era ancora il lavoro tra i giovani. San Filippo era assistito da altri giovani chierici, e nel 1575 li aveva organizzati nella Congregazione dell’Oratorio; per la sua società (i cui membri non emettono i voti che vincolano gli ordini religiosi e le congregazioni), costruì una nuova chiesa, la Chiesa Nuova, a santa Maria “in Vallicella”. Diventò famoso in tutta la città e la sua influenza sui romani del tempo, a qualunque ceto appartenessero, fu incalcolabile.

IL BUONGIORNO

“C’è una crepa in ogni cosa. Ed è da lì che entra la luce”.
(Leonard Cohen)

LA PAROLA DEL GIORNO

La parola di oggi è: ammannire

SILLABAZIONE: am–man–nì–re
ammannìre / ammanˈnire/
[got. manwjan ‘preparare’ sec. XIII]
v. tr. (io ammannìsco, tu ammannìsci)
● preparare, allestire, apparecchiare: ammannire la cena | (iron.) propinare: ci ha ammannito una conferenza noiosissima

La parola è tratta da:

lo Zingarelli 2017
Vocabolario della lingua italiana
di Nicola Zingarelli
Zanichelli editore

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *