Pages Navigation Menu

Tutte le news della tua città

Volley femminile al Palaterme, l’Italia accede agli Europei 2017

Volley femminile al Palaterme, l’Italia accede agli Europei 2017

L’Italia doveva vincere e così ha fatto. Davanti al caloroso pubblico del Palaterme, le Azzurre battono l’Ucraina 3 a 1  (25-11; 18-25; 25-20; 25-15) dopo oltre 90 minuti di gioco e staccano il pass diretto per gli Europei 2017 che si disputeranno in Azerbaijan e Georgia. Grande prova di squadra per Valentina Tirozzi e compagne che, nell’arco della tre giorni toscana, sono cresciute costantemente dimostrando un buon affiatamento.

Al termine della seconda fase della Qualificazione agli Europei femminili 2017, l’Italia chiude in testa al Pool A difendendo la sua imbattibilità con il sesto successo consecutivo a 17 punti davanti all’Ucraina (4 v., 13 p.) e all’Austria (2 v., 5 p.) che nel pomeriggio ha battuto 3 a 0 la Lettonia (25-19; 25-18; 25-16) rimasta il fanalino di coda del girone (0 v., 1 p.).

Cristiano Lucchi: “Siamo riusciti a fare le cose che dovevamo fare. L’Ucraina è stata un avversaria dura, aggressiva sui servizi, soprattutto nel secondo set, ma le ragazze sono state brave a rimanere concentrate nel proseguo della partita. Abbiamo raggiunto un primo obiettivo, ora l’ Italia deve continuare con questo giusto approccio”.

Cristina Chirichella: “Dobbiamo lavorare duro perché siamo molto giovani, ma abbiamo la volontà per farlo. Vogliamo vincere nuove sfide e siamo pronte a non mollare mai”.

Anche in questa terza giornata di volley, gli spettatori del Palaterme non hanno deluso le aspettative: sugli spalti, in particolare, erano presenti centinaia di ragazze e ragazzi delle scuole di volley locali organizzati per supportare le Azzurre con cori e striscioni. A fine partita le ragazze di Lucchi hanno dedicato un momento di foto e autografi ai fans.

La Toscana ancora una volta ha ospitato la grande pallavolo dimostrando quanto questa disciplina sia nel cuore dei toscani, in attesa di riabbracciare presto la Nazionale Italiana.

Leave a Comment